Catcall zone

Il catcalling (dall’inglese cat call= fischio) è una tipologia di molestia verbale indirizzata a tutti i sessi, ma più frequentemente alle donne. Si tratta, infatti, di quella serie di “complimenti” e apprezzamenti che hanno una connotazione sessuale e che vengono fatti da sconosciuti per strada. Sono tutti quei commenti che vanno dal “ciao bella”, al fischio di apprezzamento alle volgarità più esplicite che gli sconosciuti si sentono in diritto di rivolgere alle donne. Queste molestie possono anche includere assillanti richieste di informazione personali (nome, numero di telefono, indirizzo o destinazione) masturbazione pubblica e lampeggiamento e possono degenerare in stalking, aggressione e violenza. Questo fenomeno capita anche agli uomini, soprattutto con insulti omofobi e transfobici.
Le molestie di strada sono definite come "commenti" per le vie, in cui la parola molestie perde la sua connotazione di violenza, ed è considerata tenue nei confronti dei destinatari. Chi riceve catcalling si sente arrabbiata perchè incapace di reagire (non si sa mai chi hai davanti e come potrebbe reagire); sporca perchè trattata come un oggetto sessuale, e soprattutto in colpa perchè comincia a pensare a come si è vestita o truccata. Quando un uomo dice qualcosa ad una persona e quella persona si sente così, quello non può essere un complimento. Come se non bastasse, molti sminuiscono questo problema: le donne vittime di catcalling sentono dirsi continuamente “Non sai accettare i complimenti” oppure “Che sarà mai!”, “Sei esagerata!” o peggio “Com’eri vestita?”.

Il progetto Catcall Zone consiste in 10 immagini che contengono le frasi che più frequentemente le donne si sentono dire da uomini sconosciuti. Le foto sono state scattate a Milano per strada, tra le macchine, i cartelli stradali e le insegne dei negozi e sono state poi successivamente modificate per inserire al loro interno delle parole o frasi. I testi, il cui aspetto si mimetizza con lo sfondo, come se ne facesse parte, sono stati raccolti grazie a una Instagram Stories attraverso la quale ho chiesto a qualsiasi donna volesse di condividere con me la sua esperienza riguardo questo tema.
La peculiarità di questo progetto è data dall’assenza di impatto di queste immagini prodotte: non rappresentano niente di sconvolgente, che impressioni lo spettatore o che provochino in lui uno shock. Come se ciò che vedesse rappresentasse la normalità.
Uno dei problemi principali di questo fenomeno è la leggerezza con cui è affrontato. La cultura in cui siamo cresciuti ci ha trasmesso l'idea che se sei una donna, ricevere apprezzamenti o commenti qua e là per strada è assolutamente normale. Come a dire che esisti, sì, ma in funzione dello sguardo maschile. Questi gesti vengono identificati come avances e non come una mancanza di rispetto verso tutto il genere femminile.
Ed è proprio questo ciò che ho fatto: dipingere questo fenomeno come la maggior parte delle persone lo vede, ossia un comportamento nella norma, abituale, comune. La tranquillità delle immagini contrasta con la volgarità del linguaggio utilizzato ed innesca nello spettatore una presa di coscienza sulla vera natura di questo fenomeno.

https://www.instagram.com/ps_graphiclab/?hl=it

Serena Paoli
Welcome to my design portfolio on Dribbble

More by Serena Paoli

View profile